PrettyPrint JavaScript

martedì 21 settembre 2010

Configurazione della Rete Virtuale con VirtualBox e Ubuntu Server

In questo articolo vedremo come configurare la rete in modo che il nostro server virtuale rispondi alle richieste provenienti dalla LAN a cui è collegato il sistema reale che lo ospita.


Per configurare la rete vediamo come è necessario configurare il sistema reale, virtual box ed infine il sistema virtuale.
Innanzi tutto vediamo la configurazione di rete sulla quale lavoriamo:








Il pc sul quale gira il server virtuale è quello con indirizzo LAN 192.168.0.2, il quale è collegato attraverso un cavo ethernet al PC 1 (192.168.0.1), il quale a sua volta funge da Gateway in quanto è connesso al modem grazie al quale accede ad Internet.

Quando installiamo Virtual Box viene installata un'ulteriore interfaccia di rete virtuale, alla quale possiamo collegare la nostra macchina virtuale utilizzando il menù Impostazioni messo a disposizione da Vbox, impostazioni che possiamo modificare solo se la macchina è spenta. Quello che ho intenzione di fare è collegare la macchina virtuale all'interfaccia di rete virtuale della macchina reale, dopodichè creare un bridge tra queste due reti in modo da poter dare l'accesso ad internet al server, grazie al quale possiamo accedere per esempio agli aggioramenti.

La configurazione che voglio perciò realizzare è la seguente:








 

Diamoci da fare.
Supposto che sulla macchina reale giri Windows7, configuriamo l'interfaccio di rete di virtual box in maniera opportuna.
Andiamo in:

Pannello di Controllo -> Rete e Internet -> Centro Connessioni di Rete e Condivisione -> Modifica Impostazioni Scheda


A questo punro cerchiamo la scheda virtuale che avrà un nome simile a:


VirtualBox Host-only network, clicchiamo su Proprietà click su Protocollo Internet Versione 4 e poi ancora su Configura.


Nella maschera che ci appare andremo ad inserire su indirizzo IP 192.168.0.254 e su Subnet Mask 255.255.255.0.

Usciamo e facciamo partire virtual box, prima di avviare la macchina però mettiamo sulle impostazioni di rete la dicitura Scheda solo Host al posto di NAT, ed avviamo la macchina.

Su linux tutte le impostazioni di rete sono contenute nel file /etc/network/interfaces che andremo a modificare in questo modo:


sudo vim /etc/network/interfaces

Il file va poi modificato in modo che l'interfaccia collegata al sistema reale abbia la giusta configurazione, nel nostro caso:


auto eth1

iface eth1 inet static
address 192.168.1.2
netmask 255.255.255.0
gateway 192.168.0.1

Adesso dobbiamo inserire i server DNS e dato che non ho ancora un server DNS in casa, inserirò quelli forniti da OpenDNS, tali informazioni vanno scritte nel file /etc/resolv.conf.


Nameserver 208.67.220.220

Nameserver 208.67.222.222

A questo punto dovremo resettare il demone che controlla le interfacce di rete.


sudo /etc/init.d/networking restart


Per verificare che tutto sia andato a buon fine eseguiamo dei ping.


Adesso non dobbiamo fare altro che creare un bridge di rete nel sistema reale tra l'interfaccia di rete di virtualbox e l'interfaccia di rete della nostra LAN.

Niente di più semplice in ambiente Windows, basterà selezionare le due connessioni, click col tasto destro e click su Crea Connessione con Bridge (o qualcosa di simile).
Impostiamo il bridge dandogli il corretto indirizzo IP (192.168.0.254) la corretta subnet (255.255.255.0) e il corretto Gateway (192.168.0.1).
Benissimo, spegnamo la macchina virtuale, andiamo nelle impostazioni di Virtual Box relativa alla macchina sul quale gira il server e nella sezione rete delle opzioni selezioniamo Scheda con Bridge. Adesso, avviando la macchina virtuale, non solo questa è raggiungibile da tutti i sistemi presenti in LAN (e quindi in grado di offrire servizi ad essi) ma è anche in grado di accedere su internet. Non è vero il contrario in quanto per poter fornire servizi ad internet sarebbe necessario configurare un NAT sul gateway. Ma questo per ora non ci interessa.



Nessun commento:

Posta un commento