PrettyPrint JavaScript

sabato 24 ottobre 2015

Setting I2C on ESP8266MOD with ESP 07/12 Breakout

The ESP8266 module allows us to create a portable, energy-saver, arduino compliant project for IoT with low cost and without an Arduino boards.

For the technical features of this module read this.

In order to simplify working on ESP8266 with a breadboard I reccomend to connect it with the ESP 07/12 Breakout Board.

So, after Setup ArduinoIDE to work on ESP8266 and load my script, I try to connect it with an i2c sensor: the HTU21D. But Wire library seems not working.

I googled a lot and finally I found the solution.

The ESP8266 seems to needs the GPIO02 as SDA and GPIO14 as SCL for the I2C protocol! So, take a look to the ESP 07/12 Breakout pinout in order to rightly connect ours I2C module on board.

Now, we can load a simple script testing I2C:
#include <Wire.h>

void setup() {
  int sda=2;// qui SDC del sensore
  int sdc=14;// qui SDA del sensore



void loop() {


int i2cscan(){
  //scanning i2c
  byte error, address;
  int nDevices;


  nDevices = 0;
  for(address = 1; address < 127; address++ ) 
    // The i2c_scanner uses the return value of
    // the Write.endTransmisstion to see if
    // a device did acknowledge to the address.
    error = Wire.endTransmission();

    if (error == 0)
      Serial.print("I2C device found at address 0x");
      if (address<16) 
      Serial.println("  !");

    else if (error==4) 
      Serial.print("Unknow error at address 0x");
      if (address<16) 
  if (nDevices == 0)
    Serial.println("No I2C devices found\n");
If it's all OK you should be able to see on Serial monitor: I2C device found at address 0x.... N.B. Another information I did not easily found is how setting ESP8266 on programming mode with ESP 07/12 Breakout Board: just hold on the reset button for at least 1 second and release. After that you are able to flash the firmware!

sabato 18 aprile 2015

Show and Manage Notes on your Linux Desktop with Conky

In this article I'll show you how display and manage a simple note list into linux desktop with conky.
Start installing conky on system. On Ubuntu simply:
sudo apt-get install conky
Conky is a simple application that show some custom information on your linux desktop. To run conky open a terminal and run:
Without close terminal, on your desktop you can see some information about your system. Configure conky is not soo difficult, on-line there are many post related and generally all you have to do is edited the conky.config file. How customize your conky is off-topic, we limited to add a simple note list. Now will download the latest release of pyclinote, it allows to manage a list of notes using command line. Download the latest from here Extract the content of zip in a directory of your choice, for example: /home/user/pyclinote-1.0 In this directory create a file named, this file will allow you to open the gui even from a key-shortcut
gedit /home/user/pyclinote-1.0/
paste the following code, then save:
(cd /home/user/pyclinote-1.0 && python -g)
Ensure that /home/user/pyclinote-1.0 is the directory contains! Open a terminal and add execution permission to this file:
chmod +x /home/user/pyclinote-1.0/
Before execute pyclinote we have to install the tkinter library for python:
sudo apt-get install python-tk
Now we can execute pyclinote:
cd /home/user/pyclinote-1.0
You can add a note by typing on the text-box, then click add. Your note is now on the listbox. (the number on the left of your note is the note number identification)
The aim of this article is to show note list on your desktop, so edit the conky.conf file. In the latest version of conky this file located on /etc/conky/conky.conf
sudo gedit /etc/conky/conky.conf 
and add the following line on the bottom of the file:
${execi 2 (cd /home/user/pyclinote-1.0 && python -s)}
However, ensure that /home/user/pyclinote-1.0 is the directory contains This line tells conky to execute (cd /home/user/pyclinote-1.0 && python -s) every 2 seconds.
Your desktop, will show the note typing before!
In order to improve usability we have to run conky on startup and configure a key-shortcut opening the pyclinote GUI.
To run conky on sturtup:
Click the gear icon in the upper right hand corner of the top panel. Select Startup Applications. Click Add. In the resulting dialog box give the name as "Conky" and the command as conky. Click add and close.
To add the shortcut, go to System Settings → Keboard, select Shortcuts tab and add a new custom shortcut. Into message box insert the name of shortcut, ex: Notes and the command:
So enter the key combination you choiche to open the pyclinote GUI.

martedì 3 marzo 2015

Deserialize XMLGregorianCalendar from JSON using flexjson-2.1

In order to deserialize an XMLGregorianCalendar flexjson raise a JSonException with the following message: "There was an exception trying to instantiate an instance of javax.xml.datatype.XMLGregorianCalendar" This occours because the class XMLGregorianCalendar has not a default constructor with no parameter as flexjson is supposed to have. To avoid this you need to implement the flexjson.ObjectFactory interface to instantiate and build a well-defined XMLGregorianCalendar object. Suppose we have a simple class as follows:
public class Foo{
   private XMLGregorianCalendar startDate;
   private XMLGregorianCalendar endDate;

   public XMLGregorianCalendar getStartDate(){return startDate;}

   public void setStartDate(XMLGregorianCalendar start){this.startDate = start;}
   public XMLGregorianCalendar getEndDate(){return endDate;}
   public void setEndDate(XMLGregorianCalendar end){this.endDate = end;}

Example of ObjectFactory implementation:
public class XMLGregorianCalendarFactory implements ObjectFactory {

 public Object instantiate(ObjectBinder context, Object value, Type targetType,
   Class targetClass) {
  try {
   XMLGregorianCalendar result = DatatypeFactory.newInstance().newXMLGregorianCalendar();
   JSONDeserializer jd = new JSONDeserializer();
   String input =  new JSONSerializer().deepSerialize(value);
   jd.deserializeInto(input, result);
   return result;
  } catch (Exception e) {
  return null;

To force flexjson uses our implementation, we need to pass it with the use method, as shown below:
JSONDeserializer jd = new JSONDeserializer();
jd.use(XMLGregorianCalendar.class, new XMLGregorianCalendarFactory());
Foo target = new Foo();
jd.deserializeInto(json, target);
After jd.deserializeInto(json, target) execute, the target object Foo will be correctly instatiate. (If we provide a valid json string!)

lunedì 12 novembre 2012

Importare l'estratto conto online in Homebank

Vediamo come creare uno script che permetta di importare l'estratto conto della nostra banca on line su Homebank. Lo script funziona per il formato dati esportato da Unicredit ma si può facilmente adattare per essere compatibile anche con altre banche.

Per prima cosa scarichiamo dal sito della nostra banca il csv dell'estratto conto. Nel caso di Unicredit il file di INPUT si presenta così:

Genius Card Web IT 95 J 00000 00000 00xx0000xx00 - XXXX XXXX XXXX 0000,,,
Data Operazech.,Descrizione,EUR,Caus.
02/01/2012,"PAGAMENTO SUPERMERCATO","-50,00",079
04/01/2012,"VOSTRI EMOLUMENTI DA ENTERPRISE S.p.A","2100,00",027

Dal sito di Homebank possiamo vedere che il formato accettato è il seguente (link):

Column list:
date ; paymode ; info ; payee ; description ; amount ; category

Di conseguenza il nostro OUTPUT dovrà avere la seguente formattazione

15-02-04;0;;;Some cash;-40,00;Bill:Withdrawal of cash
15-02-04;1;;;Internet DSL;-45,00;Inline service/Internet

Quindi per prima cosa eliminiamo dal file di input le righe di titolo ed intestazione:

02/01/2012,"PAGAMENTO SUPERMERCATO","-50,00",079
04/01/2012,"VOSTRI EMOLUMENTI DA ENTERPRISE S.p.A","2100,00",027

Effettuiamo un find e replace del file in input su un file temporaneo sostituendo il separatore virgola con il punto e virgola ed eliminando i doppi apici:

sed -e 's/,"/;"/g' -e 's/",/";/g' -e 's/"/\E/g' inputFile >inputFile.tmp

Ottenendo come risultato il seguente:

02/01/2012;PAGAMENTO SUPERMERCATO;-50,00;079
04/01/2012;VOSTRI EMOLUMENTI DA ENTERPRISE S.p.A;2100,00;027
Il passo successivo è quello di leggere il file temporaneo così generato riga per riga riordinando nel modo corretto le colonne affinchè siano compatibili con il formato di output di Homebank.

Homebank permette anche di associare ad ogni movimento un tag in modo da permettere all'utente di analizzare i dati in maniera più precisa, tuttavia questa operazione andrebbe fatta a mano per ogni singola operazione, vediamo quindi di trovare il modo di associare ad ogni riga del file di output un tag che sarà poi riconosciuto da Homebank.

Per prima cosa apriamo HomeBank, creiamo un nuovo portafoglio e dal menu Gestione->Categorie inseriamo le categorie che ci sembrano più utili in base alla tipologia dei nostri movimenti. Fatto ciò clicchiamo sul tasto 'Esporta' e dovremmo trovarci con un file di questo tipo:

2; ;Affitto
2; ;Bollette
2; ;Spese
2; ;Regali
2; ;Altre
2; ;Abbigliamento
2; ;Utilities
2; ;Spesa
2; ;Manutenzione
2; ;Benzina
2; ;Assicurazione
2; ;Vacanze
2; ;Hotel
2; ;Biglietti
2; ;Eterprise

Che andrà trasformato a mano nel seguente:


Adesso aggiungiamo ad ognuna di queste categorie una serie di parole chiave presenti nelle descrizioni dei movimenti che consentano di inquadrarle in quella categoria. Ad esempio i movimenti che contengono nella descrizione la parola 'AFFITTO' saranno etichettati nella categoria Casa:Affitto quindi:

Casa:Affitto; AFFITTO

I Movimenti che invece conterranno nomi di Supermercati dovranno confluire nella categoria Personale:Spesa quindi avremo:


E così via fino ad avere parole chiavi per ogni categoria, alla fine il nostro file somiglierà a qualcosa del genere:

Casa:Affitto; AFFITTO
Casa:Bollette; GAS ENEL
Personali:Regali; AMAZON E-KEY
Personali:Abbigliamento; PULL&BEAR SYSLEY BENETTON
Personali:Telefonia; TIM WIND VODAFONE TRE.IT

Auto:Manutenzione;   MECCANICO GOMMISTA
Viaggi:Hotel; B&B
Viaggi:Biglietti; ALITALIA RYANAIR

Emolumenti:Enterprise; ENTERPRISE

Salvato questo file con il nome 'categorie' siamo pronti ad effettuare il parsing del file temporaneo che avevamo generato per ottenere così il file csv da dare in pasto ad Homebank con i movimenti già categorizzati:

while IFS=';' read data desc amount caus


         #Category retrivier routine

         #replace spaces of description with |

         tempDesc="$(echo $desc | sed 's/ /|/g')"

         #find categories

         category="$(egrep -w $tempDesc categorie | head -n1 | cut -d';' -f1)"


         #append readed in output file

        echo "$data;0;;;$desc;$category">>output

      done  <inputFile.tmp

la routine precedente non fa altro che leggere riga per riga splittando il contenuto di ogni singola riga del file inputFile.tmp precedentemente generato.

Per recuperare la categoria sostituisco gli spazi del campo descrizione (desc) con il carattere di OR logico (|) ponendo la stringa generata in una variabile temporanea tempDesc:

tempDesc="$(echo $desc | sed 's/ /|/g')"  

Subito dopo effettuo una ricerca sul file categorie per selezionare la prima riga nella quale è stata trovata una delle parole di tempDesc facendomi restituire la categoria, l'opzione -w fa in modo che deve essere trovata una occorrenza dell'intera parola presente nella stringa $tempDesc all'interno del file delle categorie):

category="$(egrep -w $tempDesc categorie | head -n1 | cut -d';' -f1)"

Infine scrivo sul file di output la riga così ottenuta mettendo i campi nell'ordine corretto rispetto alla formattazione richiesta da Homebank:

echo "$data;0;;;$desc;$category">>output

A questo punto possiamo anche creare uno script in modo da rendere più automatico possibile il procedimento ed eventualmente aggiungere il parsing anche di altri formati. 


L'uso dello script è semplicissimo, se input.csv è il nostro file con l'elenco dei movimenti scaricato dalla nostra banca e categories è il file con le categorie organizzate con le keyword così come descritto nel post, basterà dare il comando

./ -i input.csv -o output.csv -c categories

per generare il file output.csv che daremo in pasto ad HomeBank.

giovedì 1 novembre 2012

Gestione del Backup

In questo post vedremo come organizzare il backup in una macchina Linux. Lo scenario è quello in cui si hanno diverse directory sparse per il file system, delle quali si vuole una copia. Inoltre sulla macchina è installato il plugin di dropbox e viene richiesto di gestire la copia di alcune directory all'interno di quella appartenente a Dropbox e di gestire automaticamente il demone dropboxd per l'upload nella cloud di tali directory.

Il modo più banale per eseguire questo task è il seguente:

Preparo uno script che sincronizza le cartelle di origine e di destinazione. Utilizzo a questo scopo il comando rsync che permette il backup incrementale ottimizzando così i tempi di copia.

rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /another/path/to/Ebook/  "/backup/Ebook/"
rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /path/to/Musica/  "/backup/Musica/"
rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /path/to/my/Documenti/  "/backup/Documenti/" 
rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /path/to/my/Documenti/  "/Dropbox/Documenti/" 

Dopodichè configuro crontab* per esegure lo script e per lanciare e terminare dropbox:
 killall -9 dropbox
* Maggiori informazioni sull'utilizzo di crontab: 

Tuttavia questa soluzione risulta scomoda nel momento in cui dobbiamo aggiungere directory al backup o in cui cambiano i percorsi delle nostre directory.

Un metodo che garantisce maggiore flessibilità è quello di creare due directory che chiameremo: toSynch e toDropbox, all'interno delle quali creeremo dei link simbolici verso le directory di cui vogliamo una copia nella directory di backup o in quella Dropbox:

 Lo script in questo modo viene notevolmente semplificato e diventa:

rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /path/toBackup/  "/backup/"
rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times /path/toDropbox/  "/Dropbox/"

In questo modo se vogliamo aggiungere delle nuove directory al backup o a Dropbox, o semplicemente cambiano i percorsi delle directory basterà rispettivamente aggiungere o modificare i link simbolici all'interno delle directory toBackup e toDropbox.

A questo punto sarebbe asupicabile aggiungere al nostro sistema di backup la generazione di un log delle operazioni e la gestione degli eventuali errori e relativa notifica.

Per fare ciò avremo tre diversi livelli di log:
  • /var/log/backup.log: log delle operazioni dello script;
  • /var/log/backup_err.log: log degli errori;
  • /var/tmp/backup.tmp: log temporaneo con gli output dei singoli comandi lanciati;
Gli obiettivi sono quelli di verificare che l'operazione di backup sia andata a buon fine, ricevere una notifica (preferibilmente una mail) in caso di errori, avere tutte le informazioni necessarie a risolvere gli eventuali errori.

Per raggiungere questo obiettivo avremo bisogno di uno script in grado di interpretare alcuni comandi in particolare i seguenti:

- esegui la copia di backup;
- start dropbox
- stop drobox
- controllo degli errori ed invio mail*

Il seguente script utilizza per lo start e lo stop di Dropbox scaricabile direttamente da:

Inoltre si utilizza postfix per l'invio di mail tramite riga di comando:

Lo script utilizza inoltre un file di configurazione nel quale vengono specificati:
  • Il path dei file di log
  • Il path delle directory di origine e destinazione del backup
  • Le informazioni relative alla mail da inviare in caso di errori
#This script synch the directory listed into 'synchList' as [FROM] [TO] string
#It also provide to start or stop dropbox based on a command line option. 
#It write the standard output to a crontab.log file into /var/log directory and a standard error into
#crontab_error.log file in the same directory. If an error occours and crontab_error.log is not empty
#send a mail to 'mailTo' address from a 'sendTo' address based on mail account configured on system.
#Required on dropbox home path. are available on:

############################################## VARIABLES ##############################################
set -e
trap trapcatcher INT TERM EXIT 

PROGNAME=$(basename $0)
USAGESTR="Usage: $PROGNAME [-s] [-d] [OPTION] [-v]"

source /etc/smartbackup.conf


function trapcatcher
#   ----------------------------------------------------------------
#   Function managing fatal program error or unhandled signal
#   ----------------------------------------------------------------
    echo $name $(date) " GRAVE: Some unhandled errors occours. " >> $log
    echo "${PROGNAME} (ERROR): ${1:-"Unknown Error"}" 1>&2
    exit 1;

function error_exit

#   ----------------------------------------------------------------
#   Function for exit due to handled program error
#       Accepts 1 argument:
#           string containing descriptive error message
#   ----------------------------------------------------------------

    echo "${PROGNAME} (ERROR): ${1:-"Unknown Error"}" 1>&2
    exit 0

function USAGE ()

#   ----------------------------------------------------------------
#   Function for explain the proper command usage
#   ----------------------------------------------------------------

    echo ""
    echo $USAGESTR
    echo ""
    echo "OPTIONS:"
    echo "    -s  start synchronize"
    echo "    -d  [OPTION] start or stop dropbox option can be start or stop"
    echo "    -v  print version"
    echo "    -m  send mail if errors occours"
    echo "    -D  debug mode on"    
    echo "    -h  print this help"
    echo ""
    echo "EXAMPLE:"
    echo "    `basename $0` -s -d start -v -m"
    echo ""
    #exit $E_OPTERROR    # Exit and explain usage, if no argument(s) given.

function synchronize() {

#   ----------------------------------------------------------------
#   Function for exec the rsynch command to dir list
#   ----------------------------------------------------------------
    notify-send Backup "Start Synchronizing Script"
    echo $name $(date) " Start synch procedure..." >> $log

    #Cicla gli array ed esegue un rsync per ognuno di essi
    for syncStr in ${syncList[@]}
        #IFS=$IFS_OLD    #Restore old separator    
        arr=$(echo $syncStr | tr ";" "  ")
        echo $name $(date) " Synchronized (from to) ${arr[0]} ${arr[1]}" >> $log
    rsync -avrz --delete --force --copy-dirlinks --omit-dir-times ${arr[0]}  ${arr[1]} >>$tempFile 2>> $errorLog        
    # --------------------------------------------------------------------
    # Insert here other operation to do for synchronize
    # --------------------------------------------------------------------

    echo $name $(date) " Synch procedure succesfully end" >> $log
    notify-send Backup "End Synchronizing"

function manageDropbox() {

    if [ $DROPBOXSTART -eq 1 ];
        echo $name $(date) " Run Dropbox..." >> $log
        exec $DROPBOX_HOME./dropboxd & 2>> $errorLog
    elif [ $DROPBOXSTOP -eq 1  ];
        python2.7 $DROPBOX_PY_PATH stop 2>> $errorLog
        echo $name $(date) " Stopped dropbox" >> $log

function sendMail() {
    #Se sono presenti degli errori esiste e non è vuoto 
    # il file crontab_error che quindi invio per mail
    if [ -s $errorLog ];
           echo $name $(date) " Some errors occours. See crontab_error.log. An email was send. " >> $log
           #Send email        
           echo "$mailBody" | mail -s "$mailSubject" -a "$errorLog" -r "$mailTo" "$mailFrom" 2>> $errorLog
        #deleting temp file
        echo $name $(date) " Deleting temp file: $tempFile" >> $log
        rm $tempFile 2>>$errorLog        
           echo $name $(date) " Backup successfully end. " >> $log


#   ----------------------------------------------------------------
#   Start Script 
#   ----------------------------------------------------------------

# Parse command line options.
while getopts svDhmd: OPT; do
    case "$OPT" in
            manageDropbox $OPTARG
        if [ $OPTARG = $START ];
        elif [ $OPTARG = $STOP ];
        echo USAGE 1>&2
        error_exit "$LINENO: Invalid -d Option: only start and stop permitted"
            #logError="/dev/stderr" #Dangerous
        #log="/dev/stdout"    #Dangerous
            echo "$name v.$version"    
            # getopts issues an error message
            USAGE 1>&2
        error_exit "$LINENO: Invalid Option "

# Remove the switches we parsed above.
# shift `expr $OPTIND - 1`

# We want at least one non-option argument. 
# Remove this block if you don't need it.
if [ $# -eq 0 ]; then
    USAGE 1>&2
    error_exit "$LINENO: At least one non-option argument is needed "

#   ----------------------------------------------------------------
#   Based on the current active flag execute the proper command in the
#   right order
#   ----------------------------------------------------------------

if [ $SYNCHRONIZE -eq 1 ];
then synchronize

if [[ $DROPBOXSTART -eq 1 || $DROPBOXSTOP -eq 1 ]];

if [ $MAIL -eq 1 ];

#Reset trap setting

#Configuration file for

#Name and version script
#Notify mail to
#Notify mail from
mailBody="This mail contains the system backup error log. Remember to clean crontab_error.log"

#Temp file
#Error log path
#Common logging file for this backup
#Dropbox home path
DROPBOX_HOME="/home/yournickname/programs/dropbox/" home path


mercoledì 22 settembre 2010

Configurazione di OpenSSH su Ubuntu Server 10.04 da Riga di Comando

In questo articolo vedremo come installare e configurare un server SSH.

Il server SSH ci permette di effettuare dei login remoti alla macchina virtuale presentandoci una shell dalla quale agire come se si fosse in locale a quel sistema. A differenza di telnet però, SSH è un protocollo completamente cifrato e quindi sufficientemente sicuro per la maggior parte degli scopi più comuni. Il software scelto è OpenSSH un server SSH open source presente nei repository ufficiali. Prima di installarlo è bene creare un gruppo di utenti abilitati ad usarlo, per fare questo basta aggiungere la seguente riga al file /etc/group:


Dove ssh è il nome del gruppo, nel campo x andrebbe la password del gruppo che viene omessa, 123 è l'ID del gruppo, user è invece l'appartenente al gruppo.
Fatto ciò siamo printi per installare il server OpenSSH, installiamolo con il seguente comando:

sudo apt-get install openssh-server

Terminata l'installazione passiamo al file di configurazione nel quale settare il demone come meglio ci aggrada. Usiamo al solito l'editor Vim e scriviamo sul terminale:

sudo vim /etc/ssh/sshd_config

Adesso possiamo configurare il nostro file, le opzioni che ci interessano sono le seguenti, rimando al linl in fondo alla pagina per la spiegazione di tutte le altre opzioni: 

#Specifica la porta in ascolto del server ssh
Port 222
#Specifica l'interfaccia sulla quale è in ascolto il server ssh
#Specifica il file di cui mostrare il contenuto a login effettuato
Banner /etc/
#Specifica gli utenti di quale gruppo possono accedere
AllowGroups ssh

Adesso possiamo riavviare il server con il comando:

sudo /etc/init.d/sshd restart

Per verificare il corretto funzionamento del server basterà scaricare un qualunque client ssh (putty, WinScpClient) ed inserire correttamente gli estremi della connessione (Indirizzo IP del server e porta) e le credenziali d'accesso.


martedì 21 settembre 2010

Configurazione della Rete Virtuale con VirtualBox e Ubuntu Server

In questo articolo vedremo come configurare la rete in modo che il nostro server virtuale rispondi alle richieste provenienti dalla LAN a cui è collegato il sistema reale che lo ospita.

Per configurare la rete vediamo come è necessario configurare il sistema reale, virtual box ed infine il sistema virtuale.
Innanzi tutto vediamo la configurazione di rete sulla quale lavoriamo:

Il pc sul quale gira il server virtuale è quello con indirizzo LAN, il quale è collegato attraverso un cavo ethernet al PC 1 (, il quale a sua volta funge da Gateway in quanto è connesso al modem grazie al quale accede ad Internet.

Quando installiamo Virtual Box viene installata un'ulteriore interfaccia di rete virtuale, alla quale possiamo collegare la nostra macchina virtuale utilizzando il menù Impostazioni messo a disposizione da Vbox, impostazioni che possiamo modificare solo se la macchina è spenta. Quello che ho intenzione di fare è collegare la macchina virtuale all'interfaccia di rete virtuale della macchina reale, dopodichè creare un bridge tra queste due reti in modo da poter dare l'accesso ad internet al server, grazie al quale possiamo accedere per esempio agli aggioramenti.

La configurazione che voglio perciò realizzare è la seguente:


Diamoci da fare.
Supposto che sulla macchina reale giri Windows7, configuriamo l'interfaccio di rete di virtual box in maniera opportuna.
Andiamo in:

Pannello di Controllo -> Rete e Internet -> Centro Connessioni di Rete e Condivisione -> Modifica Impostazioni Scheda

A questo punro cerchiamo la scheda virtuale che avrà un nome simile a:

VirtualBox Host-only network, clicchiamo su Proprietà click su Protocollo Internet Versione 4 e poi ancora su Configura.

Nella maschera che ci appare andremo ad inserire su indirizzo IP e su Subnet Mask

Usciamo e facciamo partire virtual box, prima di avviare la macchina però mettiamo sulle impostazioni di rete la dicitura Scheda solo Host al posto di NAT, ed avviamo la macchina.

Su linux tutte le impostazioni di rete sono contenute nel file /etc/network/interfaces che andremo a modificare in questo modo:

sudo vim /etc/network/interfaces

Il file va poi modificato in modo che l'interfaccia collegata al sistema reale abbia la giusta configurazione, nel nostro caso:

auto eth1

iface eth1 inet static

Adesso dobbiamo inserire i server DNS e dato che non ho ancora un server DNS in casa, inserirò quelli forniti da OpenDNS, tali informazioni vanno scritte nel file /etc/resolv.conf.



A questo punto dovremo resettare il demone che controlla le interfacce di rete.

sudo /etc/init.d/networking restart

Per verificare che tutto sia andato a buon fine eseguiamo dei ping.

Adesso non dobbiamo fare altro che creare un bridge di rete nel sistema reale tra l'interfaccia di rete di virtualbox e l'interfaccia di rete della nostra LAN.

Niente di più semplice in ambiente Windows, basterà selezionare le due connessioni, click col tasto destro e click su Crea Connessione con Bridge (o qualcosa di simile).
Impostiamo il bridge dandogli il corretto indirizzo IP ( la corretta subnet ( e il corretto Gateway (
Benissimo, spegnamo la macchina virtuale, andiamo nelle impostazioni di Virtual Box relativa alla macchina sul quale gira il server e nella sezione rete delle opzioni selezioniamo Scheda con Bridge. Adesso, avviando la macchina virtuale, non solo questa è raggiungibile da tutti i sistemi presenti in LAN (e quindi in grado di offrire servizi ad essi) ma è anche in grado di accedere su internet. Non è vero il contrario in quanto per poter fornire servizi ad internet sarebbe necessario configurare un NAT sul gateway. Ma questo per ora non ci interessa.